Psicosomatica. Un secolo di studi sulla relazione tra psiche e corpo.

A volte, ancora oggi, capita di sentire l’affermazione che l’esistenza di una stretta relazione tra pensieri, emozioni e corpo sia un’idea affascinante e romantica, ma non sostenuta da studi e verifiche rigorose.

A beneficio della divulgazione di conoscenze utili per tutti, abbiamo ritenuto importante provare a dare un contributo sul tema, mediante la breve dissertazione dal titolo:

Psicosomatica. Un secolo di studi sulla relazione tra psiche e corpo.

 

Con questo lavoro abbiamo cercato (per quanto a grandi linee, vista la complessità della materia), di fare chiarezza su quelle che sono state le scoperte della psicosomatica negli ultimi cento anni della sua storia, e su come queste possano essere utilizzate per sostenere le persone nei loro percorsi di ritorno alla salute.

Per avere un ampio sguardo d’insieme, siamo partiti dalla visione ottocentesca di rigida separazione tra elementi materiali e immateriali dell’uomo, per vedere poi come le teorie di approccio psicosomatico, quali la Teoria dello Stress, la Psiconeuroendocrinoimmunilogia (PNEI) e l’Epigenetica abbiano fatto cadere tutti i principali assiomi su cui questa si fondava.

Abbiamo poi raccontato cosa queste scuole abbiano scoperto riguardo le modalità generali con cui l’organismo risponde, dal punto di vista nervoso e biochimico, a fronte di emozioni intense che richiedono un grande sforzo di adattamento della persona, per poi approfondire i tentativi della Medicina Psicosomatica e delle Cinque Leggi Biologiche di collegare stati emotivi specifici con disturbi a carico di organi determinati.

Abbiamo infine tirato le fila delle principali conclusioni condivise a cui queste scuole sono giunte, per comprendere quali siano le idee e gli strumenti che possono essere utilizzati da ciascuno a sostegno del proprio percorso di recupero e di mantenimento della salute.

Qui di seguito trovate il testo dal titolo Psicosomatica. Un secolo di studi sulla relazione tra psiche e corpo. Buona lettura.

Condividi: